Vendere e acquistare online è ormai abitudine consolidata. Tra i marketplace più frequentati, figura senza dubbio Amazon, che, ultimamente, è sempre più luogo di truffe ai danni dei negozianti. Imparare a riconoscerle è fondamentale per non farsi trovare impreparati e difendersi adeguatamente.

Come funziona Amazon marketplace

In genere si è soliti considerare Amazon come un negozio online attraverso il quale reperire e comprare gli oggetti più disparati. In realtà, è anche un “e-commerce”: sono molti, infatti, i negozianti che decidono di mettere in vendita i propri prodotti all’interno del celeberrimo marketplace, con l’intento di raggiungere quanti più clienti possibili. A questo punto, le alternative di acquisto sono principalmente tre. È possibile distinguere

  • prodotti venduti e spediti direttamente da Amazon, che mette a disposizione la propria logistica. Si tratta di acquisti affidabili al 100% perché non è nell’interesse di Amazon truffare i propri utenti o vendere articoli falsi;
  • prodotti venduti da terzi, solitamente negozi esterni, e spediti da Amazon mediante il suo servizio logistico. Il venditore invia i suoi prodotti ad Amazon, che si occupa poi dell’immagazzinamento e della spedizione, senza, però, controllarne qualità e origine, in quanto non di sua competenza. Questa modalità di vendita e acquisto torna molto utile ai clienti Amazon Prime perché assicura, in ogni caso, tempi rapidi di invio e ricezione della merce a casa;
  • prodotti venduti e spediti da terzi. È il caso dei negozianti che usano Amazon solo come vetrina. Anche se la merce viene acquistata tramite il marketplace, logistica, approvvigionamento e spedizione sono amministrati dal venditore. Tempi e qualità restano, pertanto, un mistero fino all’effettiva ricezione del prodotto.

La garanzia

Oltre alla classica Garanzia Legale, Amazon mette a disposizione degli utenti anche la Garanzia dalla A alla Z, applicabile su tutti gli articoli venduti e spediti. Tutela, così, clienti e negozianti in caso di ritardi nella consegna, prodotti non conformi alla descrizione o danneggiati, resi non effettuati.

Per avvalersene, basta inviare una segnalazione attraverso la stessa piattaforma, e il dipartimento di Amazon verificherà, quanto prima, se l’ordine in questione è idoneo o meno al rimborso.

Come riconoscere le truffe su Amazon

Solitamente può succedere che il truffatore apra un negozio ad hoc, oppure attacchi e si impossessi di uno già esistente e con ottima reputazione. Si tratta, perlopiù, di hacker che rivendono prodotti, soprattutto d’alto listino, a prezzi stracciati (spesso a meno della metà del valore iniziale). In questo caso, dopo aver effettuato l’acquisto, il cliente viene contattato dal falso venditore che lo avverte di un disguido nel sistema di ricezione del pagamento, e dell’impossibilità, pertanto, di processare l’ordine.

Invita, così, a procedere con carta attraverso il link del sito web fornito dal truffatore, oppure con bonifico alle coordinate bancarie evidenziate nel messaggio. Questo accade quando il prodotto è venduto e spedito da terzi. Se fosse, invece, gestito dalla logistica di Amazon, l’acquirente sarebbe protetto da eventuali frodi.

Come proteggersi dalle truffe online

Evitare le truffe online, e più specificatamente su Amazon, è possibile. Basta seguire alcune accortezze.

  • Su Amazon è sempre bene pagare attraverso il marketplace. Su Ebay, invece, è preferibile PayPal. Qualora vengano richiesti altri metodi di pagamento, è opportuno non fidarsi.
  • Mai usare la propria carta di credito e lasciare i propri dati all’interno di siti sconosciuti. Affidatevi sempre a piattaforme riconosciute e sicure.
  • PostePay e bonifici sono tra i metodi di pagamento meno affidabili.
  • Non inviate mai la vostra mail o messaggi su Whatsapp all’acquirente prima di aver effettuato l’ordine.
  • Un’offerta troppo conveniente, anche al di sopra delle aspettative e del valore effettivo del prodotto, è, nella maggior parte dei casi, una truffa.

In sintesi

È importante prestare attenzione a tutto quello che ci viene proposto online. Affidarsi a marketplace e piattaforme note e consolidate, e a metodi di pagamento sicuri, è indispensabile per non cadere vittima di truffe e raggiri.

Così facendo si tutela il proprio denaro e la propria persona in una selva, come quella di Internet, che pullula sempre più di trappole a volte difficili da scovare.